News

Dopo un ictus il cervello si difende

mm
Scritto da Capitale Salute

Dopo un ictus, il cervello mette in atto un raffinato “meccanismo di autodifesa” cambiando lo schema di comunicazione tra le diverse aree cerebrali, in modo da isolare e circoscrivere il più possibile l’attività neurale patologica dovuta al trauma e salvaguardare l’attività neurale fisiologica sana.

A scoprirlo è una ricerca pubblicata sulla rivista “Neurorehabilitation and Neural Repair”, condotta da Pietro Caliandro, dell’Istituto di Neurologia dell’Università Cattolica del Sacro Cuore – Fondazione Policlinico Gemelli di Roma.

Sulla base di questa scoperta – spiegano i ricercatori – in futuro, studiando con un elettroencefalogramma le modifiche delle connessioni cerebrali, nei giorni immediatamente successivi all’ictus, si potrebbero avere informazioni sul grado di recupero che potrà ottenere il paziente e quindi personalizzare le terapie riabilitative.

Fonte: Adnkronos

Info sull'autore

mm

Capitale Salute

Lascia un commento

Informativa sulla privacy