I consigli dell'esperto

In Italia il diabete è sempre più “giovane”

mm
Scritto da R C

Vari specialisti diabetologi

La prevalenza del diabete di tipo 2 negli adolescenti e negli “under 40” sta aumentando notevolmente, come emerso in occasione del 55° congresso della European Association for the Study of Diabetes (EASD), appena concluso a Barcellona.

Secondo la Società Italiana di Diabetologia (SID) <<negli ultimi 10 anni la diffusione del diabete di tipo 2 in questa fascia d’età è addirittura raddoppiata>>, sottolinea il professor Francesco Purrello, presidente SID. <<Si tratta di circa 150.000 soggetti, che, oltre ad essere pazienti “precoci”, vanno incontro ad una gestione più lunga e complessa della malattia, con un aumento del rischio di complicanze croniche, sia macro che micro-vascolari, legate ad un periodo maggiore di esposizione ad elevati livelli di glicemia. Inoltre, stiamo purtroppo verificando che il diabete di tipo 2 a esordio giovanile presenta un fenotipo patologico più aggressivo, che porta allo sviluppo prematuro di complicanze, con effetti negativi sulla qualità della vita e sugli esiti a lungo termine>>. <<Il diabete di tipo 2 nei giovani – continua Purrello – è associato a grave resistenza all’insulina e ad un progressivo deterioramento della funzione delle cellule beta pancreatiche. Contrariamente al diabete di tipo 2 adulto, in questi casi il declino della funzione delle cellule beta è da tre a quattro volte più veloce e i tassi di fallimento terapeutico sono significativamente più alti nei giovani che negli adulti.

Il diabete di tipo 2 a esordio precoce, infatti, colpisce tanti individui in età lavorativa, accentuando gli effetti sociali avversi ed i costi di gestione della malattia>>. All’EASD si è parlato anche di possibilità in campo terapeutico, come spiega il professor Consoli, presidente eletto della Società Italiana di Diabetologia (SID): <<Purtroppo, in Italia l’utilizzo di farmaci innovativi, che pure esistono, è ancora largamente al di sotto di un livello ottimale; infatti, sono attualmente utilizzati solo nell’8% dei pazienti, e troppe persone con diabete sono ancora trattate con terapie che stanno rapidamente diventando obsolete. Questo è sicuramente dovuto anche a problemi di carattere economico. Ogni sforzo dovrebbe tuttavia essere fatto per garantire i benefici connessi ad un approccio moderno alla malattia diabetica al numero più ampio possibile di malati>>.

In un recente studio internazionale, che ha coinvolto 12 centri sparsi nel mondo, realizzato su di 21.641 partecipanti si è dimostrato come un livello di glicemia uguale o superiore a 209 mg/dl, misurato dopo un’ora dal test di carico orale di glucosio, permetta di identificare soggetti con diabete tipo 2 con grande accuratezza. Ciò consentirebbe un utilizzo a scopo diagnostico dei valori della glicemia così determinati, al fine di identificare non solo le persone a rischio di diabete tipo 2 ma anche chi, pur avendo già la malattia, non viene diagnosticato perchè comunemente sottoposto al semplice test ambulatoriale di breve durata, oggi di prassi anche per via dei costi molto limitati.

L’autore

mm

R C

Lascia un commento

Informativa sulla privacy